Con 50 Centesimi cambi la tua auto per sempre | Non crederete ai vostri occhi [VIDEO]

Meno di un Euro per modificare in modo permanente la tua auto: è tutto vero, questione di centesimi e i viaggi sopratutto per i tuoi passeggeri diventano molto più piacevoli e molto meno noiosi. Ma come funziona il tutto?

Quanti optional vi offre di serie la vostra automobile? Poche montano quello di cui parliamo oggi ma non è un grave problema perchè potete tranquillamente costruirvelo da soli, tutto con pochi centesimi, cambiando la vostra auto per sempre. Il fai da te non è mai stato così economico e brillante, basta solo visualizzare un video di pochi secondi per capire come costruirsi da soli l’optional più utile per i lunghi viaggi in auto.

Spiccioli Canva 28_11_2022 MondoFuoristrada
Questione di centesimi (MondoFuoristrada.it)

Quanto mi costi…

Comprare un’auto nuova già di per se non è un processo particolarmente economico: abbiamo a che fare con tasse, assicurazione RCA che va stipulata obbligatoriamente, il controllo di routine dal meccanico e il pieno di benzina…per non parlare degli optional. Quale guidatore moderno non vuole almeno le basi per la sicurezza ed una guida comfortevole sulla sua vettura? Poggiatesta posteriori ed air-bag per i passeggeri sono tra gli optional più gettonati in molte auto.

Altre vetture più moderne o di marchi più blasonati hanno certamente una dotazione di serie più corposa che non vi spinge a spendere centinaia di Euro in altri oggetti da avere a bordo. Ma certe comodità sono un lusso per pochi, come quella di cui parliamo oggi che con un po’ di fantasia ed una spesa davvero ridicola si può replicare pure sull’ultima delle vetture di serie.

Abitacolo Canva 28_11_2022 MondoFuoristrada
Riempire l’abitacolo di comodità (MondoFuoristrada.it)

Un oggetto costoso

Ebbene si, tra i tanti optional che soprattutto le auto più costose come Rolls Royce, Maybach e Brabus vi mettono a disposizione c’è anche la televisione per i passeggeri che si può montare all’interno dei sedili anteriori, garantendo un intrattenimento degno di casa vostra a chi viaggia con voi: per il guidatore, per ovvi motivi che non spieghiamo, non esiste questa opportunità!

Avere la TV in auto insomma è impossibile a meno che non vogliate spendere qualche centinaio di migliaio di Euro per un’auto davvero da signore o sultano, cosa che molti di noi anche avendo magari il denaro a disposizione evitano di fare. Ma c’è un asso nella manica costituito dallo Smartphone che sicuramente possedere anche voi. Se avete un cellulare del genere o un iPad di qualche tipo, siete davvero a cavallo.

Costa cinquanta centesimi

Per costruirvi quella che è a tutti gli effetti una televisione in auto non vi serve mica una BMW ma solo un po’ di fantasia e creatività: comprate per prima cosa una mascherina. Si, avete capito bene, quegli strumenti di protezione che un po’ tutti odiamo per il bruttissimo ricordo che portano con se – la pandemia di Covid – e che si trovano ormai in qualsiasi tabaccaio o negozio a prezzi inferiori all’Euro e spesso addirittura a pochi centesimi.

Mascherina Canva 28_11_2022 MondoFuoristrada
Nell’immagine: una potenziale televisione! (MondoFuoristrada.it)

Nel video che vi lasciamo qui sotto, potete vedere come da una semplice mascherina che costa pochi centesimi sia possibile costruire una postazione vera e propria per guardare video e film in auto: se sul vostro Smartphone avete qualche servizio streaming che mette a disposizione film e serie TV poi avete fatto tombola: i vostri passeggeri, specie i più piccoli, non si annoieranno più a viaggiare con voi per ore con questo stratagemma.

Ovviamente, anche se nel video viene montato sul sedile anteriore, questo sistema multimediale low cost si può installare anche sui sedili posteriori, basta avere la classica retina portaoggetti e l’abilità manuale per legare mascherina e tablet o Smartphone in modo che sia visibile per chi viaggia dietro. Date un’occhiata e fateci sapere se il sistema ha funzionato!

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CarParts (@auto4parts)