Yamaha T-Max, il modello che non si è ancora mai visto in strada: il particolare è unico [Video]

In questa configurazione il famoso T-Max non si era mai visto: ancora più grosso, ancora più spazioso, ancora più ambito dai centauri che non hanno tanta voglia di fare lo slalom nel traffico. Ecco come lo faranno.

La versione più estrema che si sia mai vista del noto scooterone Yamaha T-Max è arrivata: cos’ha di speciale rispetto al classico motorino di grandi dimensioni e cilindrata che popola tutte le metropoli più trafficate del nostro paese? Diciamo solo che ha qualcosa in più per rendere i viaggi molto più comodi. Ci ricorda molto un famoso veicolo comune in Asia orientale…

TMax Canva 23_1_2023 MondoFuoristrada
Fratello del T-Max (MondoFuoristrada.it)

Una saga di successo

Inserire tra i motorini più di successo di sempre lo Yamaha T-Max è sicuramente giusto dato che il mezzo, conosciuto anche come scooterone in gergo popolare per la sua forma che ricorda uno scooter e la cilindrata più vicina a quella di una motocicletta, è diventato praticamente il simbolo della categoria di motorini di grossa cilindrata. La forma impossibile da confondere con altri veicoli del mezzo è semplicemente un marchio di fabbrica.

Il T-Max non è troppo vecchio come modello, i primi sono arrivati in Europa nel 2001, nonostante ciò ha già ricevuto diversi restyling solitamente solo estetici e in qualche caso meccanici con l’ultima versione ibrida di cui si parla ormai da un anno ma che ancora non è stata annunciata ufficialmente. Che il futuro dello scooter possa essere elettrico è indubbio ma in questa configurazione…non ci aspettavamo di vederlo.

Motorino Web Source 23_1_2023 MondoFuoristrada
Yamaha T-Max (MondoFuoristrada.it)

La fantasia dei proprietari

Immaginate di poter costruire un T-Max fatto in casa con tutti gli optional più pazzi che vi vengono in mente: ce la vedete una configurazione sidecar con cui portare ancora più passeggeri sul massiccio scooter di casa Yamaha? Noi si, ma non è la cosa più pazza che qualcuno abbia pensato almeno stando a quello che abbiamo trovato sul web con qualche rapida ricerca online.

Infatti, esiste una versione del T-Max “di lusso” capace di trasportare più passeggeri in modo molto più comodo anche se parlare di moto o motorino in questo caso sembra un po’ fuori luogo. Diciamo che al mezzo sono state aggiunte delle componenti e che è molto più difficile fare lo slalom nel traffico ora che è stato conciato così. Bando alle ciance, guardate le immagini che parlano da sole!

Tre a bordo

Questa configurazione assurda del T-Max che ricorda molto il tuk-tuk, quel veicolo generalmente basato sulla Piaggio Ape a tre ruote he trasporta i turisti in paesi come la Thailandia o le Filippine e che occasionalmente non ha nemmeno un motore e si muove grazie ad un “volontario” che lo trasporta a mano, è semplicemente assurda ed è nata in Giappone come mezzo di lusso.

Trike Web Source 23_1_2023 MondoFuoristrada
Ancora più grosso! (MondoFuoristrada.it)

La responsabile di questa creazione nota come Trike è la Gordon, ditta giapponese dal nome bizzarro per un azienda asiatica che fa proprio quello che sembra, prendere grosse motociclette o motorini dall’aspetto comune e aggiungere un asse posteriore con due ruote per trasformarli in tricicli a motore potenti e divertenti da guidare. Per qualche motivo, questi mezzi sono considerati un lusso nel paese asiatico ma che ne vogliamo capire noi…

Le prestazioni dello scooter sono presumibilmente invariate. Difficile dirlo dato che online, si trovano davvero pochissime informazioni sul mezzo di cui manca anche il prezzo. Forse l’unico modo per comprarne uno è proprio spostarsi in Giappone…ma ne vale davvero la pena? Giudicate voi!