Renault Twingo, tutto pronto nel 2023 per la quarta generazione: ecco come potrebbe essere

Gli anni passano ma il modello rimane sempre una scelta ambita da tutti gli automobilisti che cercano una citycar: ecco i programmi di Renault per la Twingo nel 2024, le immagini sono molto interessanti.

Il modello di Renault più amato dagli italiani, la piccola Twingo, sta iniziando ad invecchiare e l’anno prossimo spegnerà le dieci candeline sulla torta. Forse è tempo di un bel restyling? Online, le ipotesi si sprecano e c’è già chi parla di quarta generazione con tanto di prove fotografiche. Vediamo cosa è uscito fuori dal web e perchè tutti sono così convinti che sia già in arrivo.

Twingo Canva 1_1_2023 MondoFuoristrada
Un viaggio lungo 30 anni (MondoFuoristrada.it)

Successo da imitare

Poche automobili hanno avuto il successo della famosa Renault Twingo che zitta zitta, quest’anno ha raggiunto il 30esimo anno di produzione di fila. Considerando che la vettura è arrivata sul mercato all’inizio degli anni novanta, questo ci fa davvero pensare al fatto che forse, sia ora di un bel restyling che sarebbe il quarto nella storia del fortunato modello di casa Renault. Ricordate tutti quando uscì l’auto?

Correva l’anno 1993 quando una Renault forte del successo stratosferico della 4 decise che la fortunata utilitaria di Segmento A aveva bisogno di un sequel. Dopo aver lavorato a lungo i progettisti francesi tirarono fuori un’auto innovativa già solo per il fatto che la sua carrozzeria imitava nelle forme una monovolume anziché un’utilitaria a tre volumi classica. L’auto è stata coronata da un grande successo e lo prova la sua longevità sul mercato.

New Web Source 1_1_2023 MondoFuoristrada
La Twingo del 2014 è l’ultima uscita finora (MondoFuoristrada.it)

Tempo di cambiamenti?

Quando un modello rimane in produzione così a lungo è normale che subisca uno o più restyling nel corso della sua carriera: dal canto suo, la Twingo è arrivata alla terza generazione. La prima, rimasta in produzione per 14 anni, è la più famosa ed ha venduto oltre 2 milioni di unità. La seconda è durata di meno vendendo circa 900.000 auto in tutto, non male per una vettura totalmente riprogettata. Infine abbiamo la Twingo III che è tuttora in produzione.

Se andiamo a dare un’occhiata a come Renault ha trattato le tre serie delle utilitarie ci rendiamo conto che in media, le generazioni durano circa una decina di anni prima di subire un restyling completo. La seconda serie è rimasta in produzione sette anni mentre la terza è ormai sul mercato dal 2014, il che significa che l’anno prossimo la vettura compirà dieci anni. Forse è per questo che si parla già di rimpiazzarla?

Tutto vero? 

Per ora sono solo supposizioni ma online, gli appassionati immaginano già come potrebbe essere il futuro dell’automobile. La vettura che ci interessa per farci un’idea di una nuova Twingo riprogettata completamente vengono da un prototipo che il marchio ha prodotto tempo fa, la R5 elettrica, prototipo di una nuova utilitaria che va ad esacerbare ulteriormente le forme della piccola francese che da monovolume negli anni ha finito per assomigliare molto ad un’auto di altri tempi.

Twingos Web Source 1_1_2023 MondoFuoristrad
Il prototipo R5 (MondoFuoristrada.it)

L’automobile in foto naturalmente riprende la sua forma spigolosa dalla Renault 5, storica vettura francese dai tratti sportivi ma finisce per somigliare molto alla Twingo. Allora, è possibile ipotizzare un ibrido tra le due auto che unifichi in una sola vettura in un’utilitaria dalle dimensioni standard mentre la Zoe prende di fatto il posto della Twingo sul settore delle superutilitarie.

Si tratta solo di supposizioni, naturalmente, ma alcune riviste online hanno già iniziato ad immaginare qualcosa di simile, supponendo anche che il motore totalmente elettrico dell’auto possa essere il collaudato blocco EZ da 82 cavalli di potenza con oltre un’ora e mezza di autonomia. Vi piacerebbe un’auto simile? Noi nel frattempo vi lasciamo con una predizione: secondo noi, la Twingo avrà presto una quarta generazione, se non quest’anno già nel 2024.