Suv nuovo ad una cifra “ridicola”: non solo cinesi, dal Giappone arriva la novità da non perdere

Non tutti i SUV che costano poco arrivano dalla Cina o dai paesi dell’est, a volte si può comprare anche un marchio molto famoso con una spesa tutto sommato modica. Ecco cosa propone il menù per la fine dell’anno.

Comprare un veicolo appartenente alla categoria dei SUV è un po’ il sogno di tutti in questo momento storico, del resto la moda chiama e l’automobilista risponde. Adesso che i marchi cinesi impazzano sul mercato, i concorrenti sono obbligati a rispondere e proprio dal Giappone arriva la perfetta risposta allo strapotere cinese del settore. Non solo DR e Great Wall, ecco cos’altro si può acquistare con una spesa non eccessiva.

Montagna Canva 28_12_2022 MondoFuoristrada
La risposta è arrivata (MondoFuoristrada.it)

Minaccia cinese

Se c’è una cosa che è chiara fin da adesso riguardo il 2023 è questa: il mercato europeo sarà ancora più interessato dalle importazioni cinesi che negli ultimi anni hanno letteralmente rivoluzionato il settore dei SUV ma anche delle utilitarie e citycar importando nel nostro paese e nel resto d’Europa numerosi modelli che hanno un sensibile vantaggio in un grave momento di crisi economica come questo: un prezzo stracciato.

Si perchè risolti i problemi relativi a sicurezza dopo alcuni test della NCAP che non sono andati proprio egregiamente per alcuni dei principali marchi cinesi, escludendo i plagi realizzati da case che probabilmente non potranno più rimetterci piede o ruota nel nostro stato la Cina ha il potenziale per diventare la nuova realtà dominante nel mondo dell’automotive. Questo significa che il Giappone rischia di perdere la propria egemonia, cosa che non si può certo permettere.

Mazda Canva 28_12_2022 MondoFuoristrada
Il marchio di cui parliamo ha già costruito molti SUV e crossover (MondoFuoristrada.it)

Un nome, una garanzia 

Paradossale che proprio il Giappone, prima potenza economica del mondo dell’automotive con Toyota che continua a macinare record su record per le auto più vendute del mondo ed Honda che si appresta addirittura a portare la guerra in casa di Elon Musk, re indiscusso del settore elettrico, sia ora costretto a rincorrere o quantomeno a correre ai ripari producendo qualcosa che possa competere con i prezzi stracciati dei mezzi cinesi.

Proprio nel settore dei SUV un marchio giapponese famoso per i suoi veicoli sportivi, una vittoria di rilievo a Le Mans nel 1991 e aver utilizzato il motore rotante Wankel su auto di serie di successo si appresta a rispondere alla concorrenza: parliamo di Mazda naturalmente, marchio non esattamente diffuso quanto le rivali locali ma che potrebbe fare un bel salto in avanti con le vendite nel settore dei SUV a partire dal prossimo anno.

Il futuro è qui

Per il nuovo anno la casa giapponese ha propositi bellicosi ed ha in mente di aggiornare un prodotto collaudato, il suo crossover SUV CX30 che l’anno prossimo sarà finalmente disponibile con importanti aggiornamenti come il motore ibrido che ai giorni nostri è un must, un re-design delle linee ed un prezzo decisamente appetibile considerata la tendenza a giocare al ribasso della concorrenza.

Suv Canva 28_12_2022 MondoFuoristrada
Mazda CX-30 (MondoFuoristrada.it)

Come potete constatare facilmente sul sito del marchio, la nuovissima aggiunta al listino possiede ben 19 varianti diverse che propongono una combinazione di varie motorizzazioni dai 121 ai 186 cavalli tutte che puntano al risparmio. Un po’ come il prezzo d’altronde: pensate che a partire da 27.500 Euro per il modello base, incentivi e sconti esclusi, potete portarvi a casa una Mazda CX-30 nuova di zecca.

Non è per niente male come spesa per un SUV di un marchio collaudato – con la concorrenza cinese si va sempre un po’ sull’incognita – che promette di essere uno dei più richiesti sul mercato dall’anno prossimo: dulcis in fundo, la linea sinuosa della vettura a goccia d’acqua è un ottimo inizio d’anno per il brand che ultimamente ha rivisto i suoi canoni estetici. Fateci un pensierino!