Altro che Bmw e Mercedes, questa ammiraglia Fiat è imbattibile: lusso sfrenato

Scopriamo insieme la storia di un’ammiraglia Fiat che ha cercato di sfidare i colossi del lusso automobilistico tedesco. Un audace tentativo italiano di combinare lusso e prestazioni, che, nonostante non abbia raggiunto il successo sperato, ha lasciato un segno indelebile nel panorama automobilistico

C’è stata un’auto che ha cercato di ridefinire il concetto di lusso e prestazioni nel panorama automobilistico italiano. Questa ammiraglia, prodotta da Fiat, ha osato sfidare i giganti tedeschi del lusso automobilistico. Lanciata alla fine degli anni ’60, l’audace berlina di lusso ha cercato di offrire un’alternativa italiana all’egemonia tedesca nel segmento delle auto di lusso.

ammiraglia fiat
L’ammiraglia Fiat che sfidò i giganti tedeschi (ANSA – mondofuoristrada.it)

Nonostante non abbia ottenuto il successo sperato in termini di vendite, ha lasciato un’impronta indelebile nel settore, grazie alla sua combinazione unica di stile italiano e prestazioni.

Fiat 130: la berlina che ha sfidato i colossi del mondo automobilistico tedesco

La qualità costruttiva della Fiat 130 era notevole. L’auto vantava sedili che sembravano poltrone, offrendo un comfort di alto livello ai suoi occupanti. Il cambio a cinque marce funzionava alla perfezione, offrendo cambi marcia fluidi e precisi. Anche il design dell’auto, pur essendo un po’ datato, aveva un fascino unico. Le sue linee pulite e la sua silhouette elegante ricordavano le berline BMW dell’epoca, offrendo un’alternativa italiana al design tedesco.

La Fiat 130 era equipaggiata con un motore V6 da 3,2 litri, il più grande dei due motori a sei cilindri disponibili, che erogava 165 cavalli. Questa potenza, sebbene possa sembrare modesta rispetto agli standard odierni, era più che sufficiente per spingere l’auto, che pesava solo 1.600 kg, con una maneggevolezza sorprendente. La combinazione di peso leggero e potenza adeguata rendeva la Fiat 130 un’auto piacevole da guidare, capace di affrontare le curve con agilità e precisione.

Tuttavia, le vendite della Fiat 130 non hanno raggiunto le aspettative, con solo 19.000 unità vendute rispetto alle 190.000 E3 di BMW nello stesso periodo. Nonostante le cifre deludenti, la Fiat 130 ha comunque ricevuto elogi da alcuni appassionati di auto. Questi appassionati sostengono che la 130 fosse un’auto di qualità, che offriva un’esperienza di guida unica e un comfort di alto livello.

fiat 130
Fiat 13: l’abito non fa il monaco… forse (YouTube – mondofuoristrada.it)

Vendite deludenti

Tante qualità, ma anche alcuni difetti. Tra questi, il cuore da 2,8 litri dei primi modelli, che erogava solo 140 cavalli, rendendo l’auto meno performante rispetto ai suoi concorrenti tedeschi. Inoltre, il rumore del motore, sebbene apprezzato dagli appassionati di auto, poteva risultare fastidioso per chi cercava un’auto di lusso silenziosa.

Il prezzo poi era un altro ostacolo per la Fiat 130. Con un listino di 3,1 milioni di Lire, o circa 118.000 dollari nel 1972, era un’auto proibitivamente costosa per molti potenziali acquirenti.

Oggi, la Fiat 130 è un pezzo di storia automobilistica che attrae gli appassionati di auto classiche. Nonostante non sia stata un successo commerciale al momento del suo lancio, la sua audacia e il suo design unico la rendono un’auto memorabile. La 130 rappresenta un audace tentativo di sfidare i giganti tedeschi del lusso automobilistico, un tentativo che, nonostante le sue imperfezioni, merita di essere ricordato.

Impostazioni privacy