Compra una Ferrari e la distrugge in tre chilometri: un disastro impressionante

Succede anche questo nel variegato mondo dell’automobilismo sportivo: un uomo a bordo di una supercar nuova di zecca è riuscito a distruggerla nel giro di pochissime ore, anzi, minuti dal suo acquisto. Ecco come.

Non è un record di cui vantarsi, poco ma sicuro, eppure quello stabilito dal proprietario di questa nuovissima supercar di lusso è un vero e proprio primato che non gli varrà fama e gloria ma solo lo scherno del web. Una costosissima automobile sportiva è finita distrutta…quando contava appena due miglia sul contachilometri. Sembra assurdo ma la storia è vera e documentata.

Ferrari Canva 18_1_2023 MondoFuoristrada
Guidare male è un’arte (MondoFuoristrada.it)

Rossa di vergogna

Immaginate di comprare una Ferrari nuova di zecca: cosa vi assicurereste di fare prima ancora di metterla in moto? Magari di saperla guidare, ad esempio frequentando gli appositi corsi di guida sicura offerti – previa pagamento di una cifra non indifferente – dalla scuderia di Maranello stessa nella sua sede principale. Molti proprietari alle prime armi non si sentono tali e preferiscono lanciarsi subito in strada con l’auto con le conseguenze del caso.

In questo caso ad esempio, una persona che aveva appena ritirato dal concessionario la propria supercar ha finito per distruggerla completamente in pochi minuti, tutto quando l’automobile aveva percorso pochissimi chilometri ed era ancora praticamente nuova di zecca. Ma come è potuto accadere? Intanto diamo un’occhiata al modello coinvolto nel caso, tanto per capire quanto l’accaduto sia una tragedia.

Quattrocentoottantotto Web Source 18_1_2023 MondoFuoristrada
Una Ferrari 488 (Mondo.Fuoristrada.it)

La Rossa di base

Arrivata sul mercato nel 2015 ed uscita di produzione nel 2019 la Ferrari 488 GTB è la vettura “standard” di Maranello, un’automobile – se così possiamo dire – per clienti “normali” che non cercano one-off o modelli speciali e costosissimi. Da nuova l’automobile costa circa 296.000 Euro che per lo standard di Maranello che propone anche automobili del valore milionario è un prezzo base. Alla faccia…

La supercar ha sostituito in grande stile un mito come la Ferrari 458 Italia e non si fa certo parlare dietro in quanto a prestazioni e ingegneria del motore: monta infatti un propulsore biturbo V8 da ben 670 cavalli di potenza capace di spingere il bolide a 330 chilometri orari nonostante un peso superiore alla tonnellata che rende l’auto molto stabile, proprio per evitare che possa uscire di strada come è accaduto a questo cliente molto sfortunato o disattento.

Fuori in sessanta secondi

L’incidente in questione è avvenuto a Derby in Inghilterra che a quanto pare è il luogo dove si schiantano più Ferrari ogni anno: ricordiamo tutti molto bene cosa è successo ad una SF90 Stradale proprio l’anno scorso. Ironia della sorte l’incidente ha avuto luogo dopo l’acquisto della 488 GTB dalla concessionaria Baytree Cars…il primo aprile, giorno del famoso Pesce d’Aprile. Ma non c’è limite allo scherno che il proprietario ha attirato a se perchè c’è un’altra cosa da sapere sull’auto.

Incidente Web Source 18_1_2023 MondoFuoirstrada
Nessuno si è fatto male tranne la macchina (MondoFuoristrada.it)

La vettura al momento dello schianto aveva percorso soltanto 3,2 chilometri risultando praticamente nuova, tanto è bastato all’incauto guidatore per schiantarsi contro un guard rail mentre conduceva la sportiva ad alta velocità appena fuori da un centro abitato. All’arrivo dei pompieri per fortuna non c’erano feriti e gli uomini del corpo d’emergenza hanno solo dovuto faticare per rimuovere l’automobile dalla strada senza nemmeno contattare l’ambulanza.

Rimane comunque il problema che la frittata è fatta e che il danno all’automobile non sembra economico da riparare: il frontale del mezzo? Completamente distrutto, un danno che costerà svariate migliaia di Euro al proprietario che sperava di godersi il suo bolide per qualche migliaio di chilometri almeno prima di subire un guasto o un danno simile. Che dire, la sfortuna non conosce davvero limiti.