La citycar di MG che sfida ogni regola: a partire dal prezzo | Si prevede un boom di richieste

A partire da quest’anno, la MG fa sul serio entrando a gamba tesa sul mercato con un prodotto davvero interessante: la linea non sarà proprio classica per una city car ma l’auto è molto buona..e il prezzo non è da meno.

Da quando è stato acquisito dalla casa cinese SAIC che possiede già diversi brand importanti in patria la britannica MG, un tempo fiore all’occhiello del gruppo British Leyland poi fallito, sta davvero facendo di tutto per tornare in auge sul mercato occidentale. Niente cabriolet o coupé sportive per ora: le armi segrete della casa sono SUV sportivi…ed una citycar che sfida ogni logica di mercato.

Mg Canva 15_1_2023 MondoFuoristrada
MG sta tornando (MondoFuoristrada.it)

Un ritorno attesissimo

Quando la principale realtà automobilista del Regno Unito, la British Leyland, andò incontro ad un prevedibile fallimento non riuscendo più a gestire la concorrenza europea e soprattutto giapponese, gli appassionati caddero davvero nello sconforto scoprendo che pure il marchio MG, storico produttore di cabriolet ad alte prestazioni, sarebbe stato chiuso, forse per sempre.

Nel 2007 tra qualche scetticismo generale e il disinteresse europeo però il marchio è stato acquistato e riportato in vita da un complesso industriale cinese molto ricco ed importante, la SAIC che in patria vende centinaia di migliaia di automobili l’anno. Dopo aver presentato un paio di SUV e crossover – ormai la prassi per un marchio che opera in occidente – la MG ha sorpreso tutti sul finire dello scorso anno con una mossa di mercato forse geniale. Ecco quale.

City Web Source 15_1_2023 MondoFuoristrada
Piccola è bella (MondoFuoristrada.it)

A qualcuno piace compatta

Messa in produzione lo scorso anno, la MG 4 rappresenta una interessante alternativa alle solite utilitarie dei marchi più celebri in Europa come Fiat, Opel e Ford ed è già stata collaudata in patria con il nome di MG Mulan – che sinceramente sembra un nome molto più simpatico di un banale numero! – nel Segmento C delle automobili cinesi. La vettura, completamente elettrica, potrebbe essere l’arma segreta con cui MG può tornare rilevante anche qui da noi.

L’automobile, una piccola citycar compatta monovolume lunga poco più di 4 metri e pesante circa una tonnellata e mezzo, non somiglia per niente alle utilitarie che guidiamo qui in Italia e soprattutto, ha molto più spazio a bordo grazie alle sue cinque porte di serie. Il motore elettrico con autonomia massima di 450 chilometri non si fa parlare dietro ed offre un discreto scatto da 0 a 100 in soli sette secondi. Mica male per una citycar!

Previsti tanti ordini

Un’automobile come la MG4 è ormai difficile da trovare su un mercato sempre più assuefatto a SUV e crossover che spesso hanno dimensioni e costi sensibilmente superiori: in questo caso, il prezzo base per il mercato italiano parte dai 29.900 Euro senza contare però gli incentivi, rinnovati quest’anno dal nuovo governo, e l’immancabile risparmio su Bollo Auto e tasse generiche oltre che al risparmio al distributore.

Car Web Source 15_1_2023 MondoFuoristrada
Può la MG4 ribaltare il mercato? (MondoFuoristrada.it)

Dal canto suo, la SAIC che l’ultimo anno ha prodotto e venduto facilmente centinaia di migliaia di vetture sul mercato cinese, ha creato il prodotto guardando proprio al mercato europeo quindi non si tratta di un risultato inaspettato: la risposta del pubblico è stata davvero eccezionale e fa presagire che quest’anno, il modello entrerà di diritto tra le utilitarie elettriche più vendute.

Fonti autorevoli vicine al marchio infatti parlano di oltre 20.000 ordini ricevuti per questo ed altri modelli della MG anche se siamo ancora ben lontani dai numeri di rivali come Toyota e Ford che continuano ad dominare il mercato. Ma piano piano la casa anglo-cinese potrebbe imporsi come una nuova, pericolosa realtà con cui qualsiasi concorrente dovrà fare i conti nei prossimi mesi. Cosa ne pensate?