Alfa Romeo, torna la mitica “33”: appassionati in estasi | Ecco quando la vedremo

Ritorno della vettura più amata dagli italiani imminente? Gli indizi sono tutti concordi nel segnalarci una bellissima sorpresa in arrivo nel corso del 2023: ecco quale storico modello Alfa Romeo guideremo di nuovo!

O meglio, saranno pochi fortunati a poterla guidare ancora. Si, perchè l’automobile di cui stiamo parlando è una delle vetture più esclusive che siano mai state prodotte con il Biscione al comando nonché una spettacolare automobile da corsa tramutata in una macchina un po’ più “civile” per i cittadini che intendono guidare per strada. I collezionisti si staranno già scannando per prenotarla prima che esca.

Vintage Canva 4_1_2023 MondoFuoristrada.it
Sapore vintage (MondoFuoristrada.it)

Confusione tra nomi

Non è raro che due marchi si copino accidentalmente il nome a vicenda quando producono una vettura, motivo per cui al giorno d’oggi tante case automobilistiche preferiscono usare direttamente sigle numeriche. Fa bene la Peugeot a chiamare le proprie vetture 206, 307 e 3008 dato che confondersi diventa molto meno difficile quando ad un numero corrisponde solo quella vettura.

La casa italiana Alfa Romeo per esempio ha creato un piccolo conflitto di interessi tra gli appassionati con la Alfa Romeo 33: starete tutti pensando alla vettura immortalata qui sopra, una Berlinetta sportiva dalle prestazioni sportive uscita nemmeno troppo tempo fa ma non è questo il caso. Infatti, questo numero è associato anche ad un’auto estremamente più rara e costosa che pochissimi fortunati hanno mai guidato nella storia dei motori italiani.

Stradale Web Source 4_1_2023
Alfa Romeo 33 Stradale, chiamarla leggenda sarebbe riduttivo (MondoFuoristrada.it)

Bella e bestiale…

Considerata all’unanimità e a prescindere da gusti, periodo storico e casa di produzione una delle automobili più belle della storia, la Alfa Romeo 33 Stradale è anche una delle sportive più rare e costose che si possano trovare sul mercato. O meglio, che si possa tentare di trovare dato che le unità costruite negli anni sessanta sono state appena 18 tra il 1967 ed il 1969 e, almeno nel momento in cui prepariamo questo pezzo, non ci è giunta notizia che uno dei proprietari stia pensando di vendere.

Pesante circa 690 chilogrammi – praticamente niente – la 33 Stradale era una delle automobili più veloci del periodo senza davvero rivali pericolose: la singolare forma le permetteva infatti di scattare fino a 245 chilometri orari staccando un impressionante 0 – 100 in appena 4 secondi e rotti, cifre che fanno impressione anche ai giorni nostri. In poche parole, stiamo parlando di un’auto storica, veloce e pure rara da trovare. Almeno per ora.

Torna a sfrecciare

Secondo fonti autorevoli che includono alcune tra le maggiori riviste italiane del settore la casa del Biscione avrebbe fame di gloria e vorrebbe rimettere in campo una vera e propria supercar, un modello dalle prestazioni ancora superiori rispetto alla comunque più che apprezzabile 8C Competizione che è forse l’ultima vera supercar prodotta dal marchio. A lasciar intendere che qualcosa bolle in pentola, lo stesso CEO di Alfa Romeo Jean-Philippe Imparato che a fine anno scorso aveva parlato del progetto.

MaserAlfa Web source 4_1_2023 MondoFuoristrada.it
Intanto, la fantasia dei designer sul web si sfoga anche in questo modo (MondoFuoristrada.it)

Lo scorso anno, a novembre, la dirigenza della casa aveva rimandato al marzo di quest’anno ulteriori informazioni sulla supercar in lavorazione, un’auto che dovrebbe essere prodotta in tiratura limitata di 33 esemplari. Questo numero ci ha fatto subito scattare con la fantasia, pensando ad un remake in salsa moderna della famosissima supercar di cui vi abbiamo parlato sopra.

I numeri di cui hanno parlato le indiscrezioni sono da capogiro, come se la prospettiva del ritorno di un’auto emozionante come la famosa 33 Stradale non fosse già abbastanza per far eccitare gli appassionati: l’auto potrebbe essere ibrida o totalmente elettrica con un motore di potenza compresa tra i 540 ed i 700 cavalli ed un cartellino del prezzo superiore al milione di Euro, roba da fare concorrenza a Lamborghini e Ferrari. Secondo noi si farà davvero? Puntateci un centone: entro marzo, avremo novità.