Mazzata Leclerc, l’annuncio è inequivocabile: cataclisma Ferrari

Mazzata Leclerc, l’annuncio è inequivocabile: cataclisma Ferrari. Non tutti hanno giudicato il suo 2022 come veramente positivo

Dopo il grande avvio in Bahrain e Australia, il #16 è andato via via calando, come la Ferrari F1-75. Il confronto con Verstappen e la Red Bull è diventato troppo gravoso, mettendo in luce dei limiti del pilota e della squadra.

Verstappen Perez e Leclerc
Verstappen Perez e Leclerc – Mondofuoristrada.it

Nell’allontanamento di Mattia Binotto dalla Ferrari in molti ci hanno visto anche una compartecipazione di Charles Leclerc e del suo agente Nicolas Todt. Non è un mistero, infatti, come il figlio del grande Jean, sia particolarmente vicino alla dirigenza di Maranello, tanto da inserirsi spesso nelle decisioni prese nell’ambito sportivo.

Frederic Vasseur è l’uomo che ha condotto per mano Leclerc nel suo primo anno di Formula 1, con la Sauber. Il dirigente francese si ritroverà a gestire il suo pupillo 5 anni dopo, in un altro contesto e con altre premesse. Ora c’è da competere per il Mondiale e da gestire due piloti che richiedono la medesima attenzione. Molti ritengono infatti che al di là del cambio di organigramma societario, il ruolo dei due piloti Ferrari non cambierà.

Una vera e propria prima guida non verrà identificata, con Sainz libero di lottare con il compagno di squadra, sia in qualifica che in gara.

Mazzata Leclerc, il paragone con Sainz non regge: il duro giudizio di un esperto pilota

Sainz e Leclerc
Sainz e Leclerc – Mondofuoristrada.it

Per sconfiggere la Red Bull e Verstappen, comunque, serviranno tanti aspetti diversi nel 2023. Innanzitutto meno errori nelle strategie del box e ove possibile una coalizione tra i due piloti per avvantaggiare chi è più avanti in classifica. Vedendo quanto hanno penato la Mercedes e Hamilton per provare a battere Max nel 2021, è facile immaginare cosa attenderà anche la Rossa.

In realtà non tutti sono così concordi nel dire che Sainz dovrebbe rimanere una semplice seconda guida, al servizio del compagno di box. Si perchè nel corso di questo 2022 i picchi dello spagnolo, sono stati in alcuni frangenti, e per alcuni commentatori, anche superiori a quelli del collega. A pensarla così, ad esempio, è un veterano delle corse di granturismo come Tom Coronel. 

Secondo Tom Coronel Leclerc è stato deludente: “È un genero ideale, un labrador”

Ferrari Leclerc
Ferrari Leclerc – Mondofuoristrada.it

Intervistato dai colleghi della rivista rivista Formule 1, il 50enne olandese ha dichiarato: “Leclerc mi ha deluso perché è andato molto bene solo all’inizio dell’anno, quando tutti lo ritenevano un candidato al titolo, ma personalmente sono sempre stato più un fan del compagno di squadra Carlos Sainz, che ha avuto molta sfortuna”.

La gente pretende che Sainz sia il secondo pilota della Ferrari – ha proseguito l’orange – ma se guardate il punteggio Sainz era davanti nel 2021. Per me Leclerc ha troppo credito rispetto a Sainz”.

Poi una battuta colorita sul modo di comportarsi di Charles con il proprio muretto box, quando c’è da prendere una decisione riguardo la strategia.

“È un genero ideale, un labrador”.