Ferrari, il grande rivale attacca: “Sono dei bugiardi” | Il retroscena sulle parole dure

La Ferrari è un grande brand, sia fuori che dentro la pista. A riguardo, si è espresso pure un grande rivale del cavallino rampante.

La Ferrari è un’azienda assolutamente di spicco. All’interno dell’automobilismo, dove senza ombra di dubbio ha pochissimi rivali, del mondo delle corse, F1 su tutti, e anche dal punto di vista del brand. Basti pensare che nel mondo esistono poche eccellenze del genere. Marchi come Coca Cola e Apple fanno una grande fatica a rendersi tanto più blasonati del cavallino rampante. Ed è facile capire perché; Azienda iconica, vetture semplicemente spettacolari.

Charles Leclerc inseguito da Sergio Perez nel corso del Gran Premio di Interlagos 11 dicembre 2022 mondofuoristrada.it
Charles Leclerc inseguito da Sergio Perez nel corso del Gran Premio di Interlagos mondofuoristrada.it

Tutto questo ha reso grandissima la società italiana in giro per il mondo. Non sempre però tutto va a gonfie vele, nemmeno se ti chiami Ferrari. Di recente un avvenimento su tutti ha attirato l’attenzione su Maranello e i suoi vertici. Parliamo delle dimissioni di Mattia Binotto, arrivate da qualche settimana. Queste, com’era abbastanza prevedibile, hanno fatto parlare più di un personaggio di spicco.

Addio Binotto: cosa aspettarci adesso

La Formula Uno, alle porte del 2023, perde già un potenziale illustre protagonista. Parliamo di Mattia Binotto, ex team principal Ferrari, che si è dimesso dal suo delicato ruolo. Concluderà la sua attività alle porte dell’anno nuovo, il 31 dicembre prossimo. Un addio pesante, anche perché Binotto era legato alla Ferrari da quasi trent’anni. Per il momento non è noto chi andrà a sostituirlo, tuttavia è molto difficile aspettarsi volti particolarmente di spicco come Christian Horner e Toto Wolff, impegnatissimi in Red Bull e Mercedes.

Il più chiacchierato del circus è certamente Frédérick vasseur, che conosce bene Charles Leclerc. Inoltre ha lavorato in maniera ottimale per quanto riguarda l’Alfa Romeo negli ultimi anni, anche prendendo scelte forti. Pensiamo, per esempio, agli addii di Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi per far spazio a Valtteri Bottas e Guanyu Zhou. Vedremo cosa accadrà; di certo, però, non si tratta di un ruolo semplicissimo da accettare. Toto Wolff questo lo sa molto bene.

Ferrari, arriva l’ammissione di Toto Wolff

Per il momento la Ferrari rimane senza team principal. I vertici della dirigenza si sono dati tempo fino al 2023 per cercarne uno in grado di operare in un ruolo veramente molto delicato. Non è ancora noto di chi si tratti, ma intanto qualche personalità illustre appartenente alla Formula Uno si è voluta esprimere in merito. Uno su tutti, il numero uno della Mercedes Toto Wolff, che intervistato dal podcast della F1 Beyond The Grid, si è espresso sulla situazione del cavallino rampante.

Toto Wolff, team principal Mercedes, si esprime sul posto vacante lasciato in Ferrari 11 dicembre 2022 mondofuoristrada.it
Toto Wolff, team principal Mercedes, si esprime sul posto vacante lasciato in Ferrari mondofuoristrada.it

E ha risposto anche a chi dice che non vorrebbe divenire il numero uno del team di Maranello: “Se qualcuno dice questo, è un bugiardo e non sta chiaramente dicendo la verità”. Poi, torna sul suo passato pre-Mercedes: “Daimler mi ha offerto l’opportunità di essere socio amministratore e co-titolare della Mercedes, il che mi rende molto orgoglioso. Ma se la Ferrari mi avesse fatto un’offerta del genere, non ci avrei pensato due volte e sarebbe stato praticamente impossibile dire di no per me”.