Colpaccio Ferrari, torna un idolo del passato: i tifosi sono al settimo cielo

Colpaccio Ferrari, torna un idolo del passato: i tifosi sono al settimo cielo. La Rossa starebbe pensando di affidargli il ruolo di Team Principal

Al posto di Mattia Binotto a Maranello vogliono individuare un nome che sia in grado di reggere la pressione di una lunga assenza di vittorie. Il nome che rimbalza dall’Inghilterra e dalla Spagna è quello di Gerhard Berger, ex pilota del Cavallino.

Ferrari Binotto
Ferrari Binotto – Mondofuoristrada.it

Sarà una lunga ricerca quella della Ferrari per il ruolo di Team Principal della prossima stagione. Dopo le dimissioni di Mattia Binotto a Maranello vogliono individuare il nome giusto per rilanciare il proprio progetto sportivo. Nessuna soluzione raffazzonata o prima di una condivisa scelta dell’ad Benedetto Vigna e del presidente John Elkann.

Se da un lato il favorito Frederic Vasseur resta lì sullo sfondo in attesa di una definitiva chiamata, dall’altro salgono le quotazioni di profili alternativi. Monisha Kaltenborn, Christian Horner, Andreas Seidl, sono tutti nomi che ronzano dalle parti di Modena e a modo proprio hanno dei lati interessanti nella propria candiatura.

Di certo tutti rispetto a Binotto sono più specifici del ruolo, avendolo già ricoperto in diverse scuderie di riferimento (rispettivamente Sauber, Red Bull e McLaren).

Ferrari, nella lista di candidati per il dopo Binotto spunta anche Berger: può essere l’uomo giusto

Gerhard Berger
Gerhard Berger – Mondofuoristrada.it

Secondo però quanto riportato dalla stampa estera, nello specifico quella inglese e spagnola, un nome che sta prepotentemente risalendo la china è quello di Gerhard Berger. L’ex pilota della Ferrari ha ricoperto il ruolo di Team Principal ai tempi della Toro Rosso di Vettel (motorizzata Ferrari all’epoca).

Il 63 enne austriaco, pilota della Rossa nei trienni 1987-1989 e 1993-1995, dopo la sua esperienza da pilota ha dapprima abbracciato il progetto della BMW in F1 e poi aveva addirittura acquistato il 50% delle quote della Toro Rosso, prima di cederle nuovamente alla Red Bull nel 2008.

All’interno della FIA ha ricoperto tra il 2011 e il 2014 il ruolo di presidente della Commissione Monoposto, prima di diventare nel 2017 presidente dell’ITR, la società organizzatrice del DTM.

Dopo gli anni in pista con Alesi al ruolo di TP: il profilo di Berger

Berger Alesi
Berger e Alesi – Mondofuoristrada.it

Per gli inglesi di The Race, proprio il caro Gerhard Berger, protagonista degli anni ’90 al fianco di Jean Alesi, sarebbe il nome giusto, perchè ritenuto “amabile e senza fronzoli“. Un profilo cresciuto “imparando dai migliori: Jean Todt, Ron Dennis, Frank Williams e Flavio Briatore”.

L’estensore dell’articolo, Jim Wright, ha poi aggiunto: “La Ferrari non dovrebbe scegliere una soluzione comoda. Ha bisogno di un professionista duro e saggio che abbia esperienza, conoscenza, acume per vincere e una comprovata esperienza di successo nei panni di pilota, proprietario di team e uomo d’affari“. Un profilo che corrisponde proprio a Berger.

Allo stesso modo la pensano anche gli spagnoli di SoyMotor, con l’articolo a firma di Raymond Blancafort.

“Berger non è un nome che circola, ma se devo analizzare i candidati, non ne trovo uno migliore di lui. Ha diverse caratteristiche ideali per la posizione”. Insomma tutti sembrano con concordi nel proporre l’ex pilota del Cavallino come successore di Mattia Binotto.