Altro che Lancia Delta Integrale, lei è la vera regina dei rally | All’asta la “Stradale Evolution II” più bella di sempre

La casa italiana Lancia ha prodotto alcune delle più eccitanti auto da corsa e da rally nel corso degli anni settanta e ottanta, inclusa questa bellissima coupé dalla linea filante che fa ancora impazzire tutti gli appassionati.

Avete mai visto una Lancia d’epoca così bella da levarvi il fiato? Certo che dagli anni novanta in poi il marchio italiano ha perso un po’ quel tocco magico che aveva sempre dimostrato di possedere ai suoi clienti abituali. Questa vettura è stata un po’ il canto del cigno della casa: dopo di lei, poche auto hanno saputo riproporre questa aura magica e soprattutto un’estetica così aggressiva ed azzardata!

Delta Canva 23_11_2022 MondoFuoristrada
Ma che Lancia Delta signori e signore… (MondoFuoristrada)

Ha fatto la storia

La casa Lancia, oggi parte del Gruppo Fiat nel più ampio quadro della holding multinazionale di origine olandese Stellantis che possiede anche marchi come Alfa Romeo e la casa torinese stessa, ha perso un po’ il proprio mordente sul mercato e non siamo certo noi a dirlo ma il calo di vendite che dagli anni novanta in poi ha investito l’azienda al punto che un’auto come la Flavia HF sul telaio della Chrysler 200 non ha soddisfatto nemmeno le più nere previsioni del marchio, uscendo subito di produzione.

La casa ha un futuro in forse – ma Stellantis ha già dei piani per questo – un presente tutt’altro che roseo ma un passato davvero glorioso: ecco perchè ci piace rispolverare la grande tradizione sportiva di Lancia mentre aspettiamo che la holding internazionale ci doni finalmente un’auto da correre a comprare urlando per la gioia. Magari, potrebbero rifare lei? Sarebbe una sorpresa unica per gli appassionati!

Ford Canva 23_11_2022 MondoFuoristrada
Anche se ha vinto meno della Delta, quest’auto ha avuto un impatto enorme sul mondo dei rally professionistici (MondoFuoristrada.it)

Prima della Delta

Totalmente eclissata dalla Lancia Delta Integrale che è stata una delle auto più vincenti mai viste in WRC negli anni ottanta e nei primissimi anni novanta, la vettura di cui parliamo oggi è un vero classico del marchio che purtroppo viene troppo spesso accantonato proprio in favore della sua erede. La vincente vettura da rally si è infatti ispirata proprio a questo modello o meglio, i progettisti l’hanno presa come ispirazione.

Spiritualmente parlando, la Lancia 037 Evo è la vera “mamma” della Delta che uscì negli anni ottanta dopo la breve carriera di questa coupé capace di portare a casa 6 vittorie ufficiali in soli due anni di attività nella WRC allora molto competitiva. Ecco perchè trovare una 037 stradale in vendita è un evento incredibile che sicuramente attirerà i fans del marchio come mosche sul miele.

Ne hanno prodotte pochissime 

In accordo con le normative dell’epoca, per omologare un’auto da rally era necessario produrre almeno 200 esemplati per l’uso civile altrimenti la vettura non sarebbe rientrata tra le papabili candidate per correre in pista. Per questo motivo, molti marchi producevano in serie limitata le auto pensando già al mondiale, cosa accaduta anche con la Lancia 037 di cui sono stati prodotti poco più di 200 esemplari per l’uso civile.

Lancia Web Source 23_11_2022 MondoFuoristrada
Lancia 037 Evo (MondoFuoristrada.it)

Con un peso ampiamente inferiore alla tonnellata ed un motore turbo a quattro cilindri da oltre duecento cavalli di potenza, la Lancia in foto è un vero classico che non potete perdervi: l’auto porta il numero di telaio 29 ed è una delle pochissime auto originali costruite per l’omologazione del prototipo da gara da Lancia nel corso del 1982, anno particolarmente impegnativo per la squadra corse della casa italiana.

Che altro dire? Il prezzo a cui l’auto dovrebbe essere venduta – come vedete in foto – parla più eloquentemente di qualsiasi riga si possa dedicare a questa auto. Ricordiamolo ancora una volta, ne hanno prodotte solo 207, praticamente un numero irrisorio: nemmeno certe rarissime Ferrari toccano queste cifre. Chiudiamo con una bella compilation di momenti epici che hanno visto come protagonista la vettura italiana, allora.