Autovelox, svolta per gli automobilisti: la nuova regola che stravolge tutto

Gli autovelox sono uno strumento necessario per poter limitare la velocità e dunque gli incidenti in strada, ma ora vi sarà una nuova regola.

Per quanto in molti abbiano criticato in un primo momento l’introduzione degli autovelox, è innegabile che questi abbiano dato un grande aiuto nel crollo degli incidenti in auto. Le multe non sono mai piacevoli da dover pagare, ma basta essere attenti ai limiti di velocità e rispettarli per non incappare in sanzioni.

Autovelox omologazione salvini
Autovelox, la nuova regola che stravolge tutto (Fonte: Ansa Foto)

Il Consiglio dei Ministri si è più volte riunito per poter modificare e migliorare il Codice della Strada, in modo tale da renderlo molto più snello e comprensibile a tutti. La grande novità è giunta nel giorno del 27 giugno del 2023.

Per prima cosa si è inasprito moltissimo il discorso legato all’utilizzo di sostanze stupefacenti o alcoliche. Secondo quanto riportato dal vicepremier Matteo Salvini, come si legge dalle pagine de “La Gazzetta dello Sport”, il ritiro della patente per l’abuso di sostanze illecite comporterà la sospensione per ben tre anni.

Si tratta di un incredibile aumento della pena rispetto al passato, ma questo vale solo per chi è recidivo, dunque in un primo momento verranno applicate ancora le sanzioni in vigore. Per l’alcol inoltre si deve tenere in considerazione anche di quanto si è sforato il limite di 0,5.

Chi ha subito una grossa rivoluzione per quanto riguarda il suo funzionamento e le normative è invece l’autovelox. Secondo le statistiche calcolando solamente le principali 20 città in Italia si è superato il mezzo miliardo per quanto riguarda le contravvenzioni per eccesso di velocità. Ecco come saranno le nuove leggi che verranno applicate.

Autovelox verso omologazione nazionale: cosa è cambiato

Per prima cosa non sarà più possibile installare quelli che si fanno chiamare “autovelox truffa“. Stiamo parlando infatti di quelle strutture che hanno tutte le sembianze di essere un autovelox, ma che funzionano solamente con la presenza di una pattuglia della Polizia.

Matteo Salvini omologazione autovelox
Matteo Salvini, come cambiano gli autovelox (Fonte: Ansa Foto)

Il loro intento era quello di “spaventare” gli automobilisti e in questo modo avrebbero ridotto comunque la loro velocità, anche se alla fine non sarebbe scattato in nessun caso la multa. La scelta del Governo è derivata da una richiesta delle Associazioni dei Consumatori, con queste che hanno richiesto delle leggi certe sull’utilizzo degli autovelox.

Dunque, come si evince dalle dichiarazioni Matteo Salvini riportate da adnkronos.com, l’idea del Governo è quella di omologare gli autovelox con un unico regolamento che possa essere quanto più chiaro possibile e quindi più facile da rispettare. Il leader della Lega parla di un incontro con i vari uffici per ragionare su un piano atto alla corretta ubicazione degli autovelox in zone nelle quali può essere facilmente tutelata l’incolumità dei cittadini, evitando che questi dispositivi possano essere fonte di incidenti.

Uno degli esempi più chiari è rappresentato dall’esempio, riportato dallo stesso Ministro, nel quale si parla di zone dove l’autovelox è posizionato su strade con il limite che bruscamente passa da 90 a 50 km/h. L’obbiettivo è cancellare queste situazioni dalla strada, garantendo così la tutela dei cittadini.

Impostazioni privacy