Benzina da 1,30 a 1,50 euro: ecco dove fare il pieno costa pochissimo

Il prezzo della benzina da inizio 2023 è tornato a essere più alto, mettendo così in difficoltà tantissimi automobilisti. Nonostante tutto, ci sono dei punti in cui sarà possibile fare rifornimento spendendo meno.

Il 2023 non è iniziato nel modo migliore per gli automobilisti, che si sono trovati a dover subire un provvedimento che sta facendo discutere. Dal 1° gennaio, infatti, non è più attivo il taglio alle accise carburanti, che era già stato di per sé dimezzato già dal mese di dicembre. Fare benzina (ma questo vale ovviamente anche per le altre alimentazioni) è tornato così a costare di più, mettendo così ancora più in difficoltà tante famiglie stremate dall’aumento dei prezzi.

Non è escluso che il governo possa comunque intervenire a breve con un altro provvedimento parzialmente simile, ma almeno per ora il premier Giorgia Meloni non si è sbilanciata.

auto benzina rifornimento
Fare rifornimento ora costa di più – Foto | Canva

Fare benzina costa sempre di più

I tempi si sono fatti davvero duri per chi viaggia spesso, soprattutto per motivi di lavoro, ed è chiamato quindi a fare benzina anche più volte nell’arco della settimana. Non va molto meglio per chi ha una vettura diesel, tipo di carburante che negli ultimi mesi è arrivato a essere ancora più costoso. E questa è stata una situazione inaspettata per molti, visto che la maggior parte delle persone che hanno scelto questo tipo di alimentazione lo avevano fatto proprio in un’ottica di risparmio.

Vedersi cancellato il taglio delle accise per tutti i carburanti, prorogato in più occasioni dal governo Draghi, ha avuto quindi il sapore di una beffa per molti. Chi è dalla parte dell’attuale esecutivo ha però sottolineato come questo provvedimento fosse iniquo per molti. Tra le persone che ne hanno beneficiato ci sono infatti anche quelli in possesso di una supercar, che non hanno quindi certamente problemi di tipo economico.

Si proverà quindi con ogni probabilità a valutare la situazione per cercare di capire se sia necessario un ulteriore provvedimento ad hoc. Nel caso in cui questa ipotesi venisse confermata, si opterà con ogni probabilità per una misura dedicata in maniera specifica alle fasce meno abbienti della popolazione.

A volte risparmiare è possibile

Nonostante tutto, esistono distributori dove la benzina sembra davvero costare meno. Alcuni automobilisti li hanno già individuati e ne hanno così approfittato per recarsi personalmente per fare rifornimento.

Dove si trovano? Purtroppo non si tratta di pompe che si trovano in Italia, bensì al confine. Chi vive non troppo lontano potrebbe così approfittarne, così come negli anni ’90 accadeva spesso per i residenti in Piemonte e Lombardia, che viaggiavano fino in Svizzera per poter risparmiare.

auto benzina distributore
Risparmiare al distributore a volte è possibile – Foto | Canva

A San Marino, ad esempio, il carburante arriva a costare fino a 15-20 euro in meno. Ancora più conveniente la situazione in Slovenia, dove la verde costa in media 1,30 euro, quindi decisamente meno rispetto al nostro Paese. In Austria il costo è leggermente più alto, ma comunque abbordabile, pari a 1,50 euro. Insomma, chi ne ha la possibilità potrebbe approfittarne e programmare una piccola “gita” a beneficio del proprio portafoglio.