Covid, guai per i non vaccinati: scattano i problemi e le “sanzioni” anche per guidare l’auto

Un incubo iniziato nei primi mesi del 2020. Siamo, quindi, alla soglia dei tre anni di pandemia da Covid-19. Oggi arrivano ulteriori problemi.

Un incubo iniziato nei primi mesi del 2020. Siamo, quindi, alla soglia dei tre anni di pandemia da Covid-19. In mezzo, lockdown e chiusure. Ma che restrizioni delle libertà personali e della socialità. Danni incalcolabili all’economia. E, ovviamente, milioni di morti in tutto il mondo. Nonostante questo, in tanti, negli scorsi mesi, quando la situazione era ancor più difficile rispetto a oggi, hanno deciso di non vaccinarsi contro il Covid-19. Lo hanno fatto per motivi più o meno legittimi e rispettabili. E, da quel momento, sono stati bollati indiscriminatamente come “no-vax”.

Problemi per i no vax
Problemi per i no vax (mondofuoristrada.it)

Ricorderete nel nostro Paese, le polemiche sul green pass, sulle restrizioni nei confronti dei non vaccinati, sulla sospensione dal lavoro dei dipendenti pubblici che avevano deciso di non proteggere sé stessi e gli altri. Scontri, anche molto duri, che pensavamo di aver messo alle spalle. Per diversi mesi, infatti, si credeva di aver di fatto arginato l’ondata del Covid.

Quanto sta accadendo nel mondo, però, è un brusco ritorno alla realtà. La Cina (da dove tutto partì) è nuovamente in una situazione drammatica. E con le frontiere aperte, ciò che potrebbe accadere nei prossimi mesi è imponderabile. Oggi, però, sappiamo che chi non si è vaccinato, chi è, quindi, un “no-vax”, potrebbe avere gravi problemi alla guida. Lo dice la scienza. Proprio quella tanto vituperata scienza.

Problemi alla guida per i “no-vax”

Lo studio scientifico è stato pubblicato su The American Journal of Medicine, una delle riviste de settore più autorevoli al mondo. E quanto emerge dalle ricerche è certamente qualcosa di molto preoccupante per gli automobilisti. A condurre gli studi, un gruppo di ricerca canadese, che avrebbe scoperto qualcosa di inquietante.

Le persone che non si sono vaccinate contro il Covid-19 avrebbero molte più probabilità di essere vittime di un incidente stradale. I rilievi risalgono all’estate del 2021, con l’esame dei registri di oltre 11 milioni di adulti. Il 16 per cento di questi non aveva ricevuto il vaccino. Stando a quanto rilevato dai ricercatori, il 72 per cento dei non vaccinati ha maggiori probabilità di essere coinvolto in un grave incidente stradale, rispetto ai cittadini che, al contrario, si sono sottoposti alla somministrazione del farmaco anti Covid.

Il movimento no vax (Ansa) 29.12.2022 mondofuoristrada
Il movimento no vax (Ansa)

Ma quali sarebbero le cause di queste cifre? Secondo i rilievi degli scienziati, le persone che si sono rifiutate di vaccinarsi non hanno rispetto della salute pubblica, né, evidentemente, credono alla scienza.  D’altro canto, sarebbero persone che trascurano la sicurezza stradale non credendo troppo alle regole e a chi emana le stesse. Viceversa, in nome di una presupposta libertà individuale, si esporrebbero a rischi quotidiani basati su convinzioni personali.

Secondo l’articolo pubblicato su The American Journal of Medicine, le compagnie di assicurazione potrebbero anche scegliere di modificare le polizze basandosi sui dati di vaccinazione. E voi, cosa ne pensate?