Scacco ai suv di lusso europei: dalla Russia arriva la preferita di Putin che fa sembrare tutti giocattoli

La marca che vedremo oggi è molto famosa in Russia per servire solo i compratori più ricchi e potenti. Tra questi, anche il presidente Vladimir Putin, tristemente famoso in questi giorni per quanto succede in Ucraina…

Abbiamo visto molte automobili in veste di protagonisti nella tremenda Guerra in Ucraina che sembra giunta ad un punto di tensione mai vista prima: mentre i soldati muoiono al fronte, i gerarchi russi hanno altre priorità, a quanto pare. Ecco arrivata la vettura definitiva per muoversi con stile nelle principali metropoli ormai quasi del tutto interdette ai turisti occidentali.

Il suv di lusso di Putin
Il suv di lusso di Putin (mondofuoristrada.it)

Una casa per ricchi

L’industria delle automobili russe non sta certo passando un periodo d’oro, complici le sanzioni occidentali che hanno praticamente isolato l’economia russa creando problemi ad industriali e militari vicino a Putin ma purtroppo anche a quei cittadini russi che non vorrebbero trovarsi coinvolti in questa nuova guerra fredda e che vivono la crisi peggiore che si sia mai vista da anni.

Dopo la notizia che Lada produrrà le vetture con gli stessi metodi usati negli anni settanta per la scarsità di materiali e soprattutto chip necessari per assemblare alcune importanti componenti dei veicoli in questione, ecco la prova che nonostante i disagi dovuti alla guerra chi ha i soldi può sempre fare quello che vuole, incluso produrre un SUV di lusso in un momento storico simile.

Quasi al limite

Aurus Komandant
Aurus Komandant (mondofuoristrada.it)

La nuova creazione del marchio Aurus, produttore della speciale limousine “da battaglia” che il presidente russo Vladimir Putin utilizza quotidianamente per i propri spostamenti, è qualcosa che sembra uscito da un film americano. L’influenza di case come Lincoln e GM nella costruzione del nuovo Aurus Komandant è evidente, alla faccia della rivalità con gli americani.

Con un peso superiore ai 3.200 chilogrammi, il Komandant si avvicina pericolosamente al limite che in Europa sancisce l’impossibilità di guidare il veicolo interessato con la normale Patente B anche se non sarà un problema immediato per la casa che comunque difficilmente potrà vendere nei paesi che sostengono l’embargo contro Mosca. Lasciamo però la politica da parte e diamo un’occhiata in modo più oggettivo al nostro amico a quattro ruote.

Prezzo oligarchico 

Indubbiamente a potersi permettere il Komandant saranno pochissime persone in Russia, quelle appartenenti al circolo di fedelissimi di Putin e forse il presidente stesso che potrebbe decidere di ampliare la propria flotta di vetture in questo momento complicato. La Komandant – almeno così sembra – verrà prodotta a partire dall’anno prossimo in non più di un migliaio di unità.

Aurus Komandant (mondofuoristrada.it)
Aurus Komandant (mondofuoristrada.it)

Dotata di un motore ibrido V8 da circa 600 cavalli di potenza, la Komandant ha una velocità massima limitata elettronicamente di ben 250 chilometri orari e inutile sottolineare che i suoi interni sembrano usciti da un hotel a cinque stelle. Tra gli optional più pacchiani abbiamo un portabicchiere che riscalda o raffredda le bevande a piacere, così anche gli amanti di the e cioccolata calda non rimarranno delusi e i monitor che si possono montare nei sedili per vedere comodamente la TV durante un viaggio.

Quanto potrebbe costare un veicolo che fa sembrare la Bentyaga un’auto da poveri e il Cayenne un giocattolo? Sappiamo già il prezzo, tenendo conto dell’inflazione: 33,7 milioni di Rubli, equivalente grosso modo di 592.000 Euro nostrani. Come abbiamo detto, non saranno certo i comuni cittadini russi a potersi permettere questo carro armato su ruote.