La moto stradale più veloce del mondo torna in circolazione dopo il “lifting” | Bellezza bestiale…

Considerata da gran parte degli esperti la motocicletta da strada più veloce che si sia mai vista, questa leggendaria Suzuki è stata costruita prima che cambiasse tutto: ora i fans potranno guidarla ancora una volta. 

Sapete quali sono le motociclette stradali più veloci del mondo? Difficile dirlo perché ad inizio 2000 una sorta di accordo non scritto tra le case europee e giapponesi ha posto fine ad una competizione durata anni. Questo modello costruito dalla giapponese più famosa nel campo delle due ruote è stata considerata la più rapida di tutte: del resto, con un nome del genere cosa potevamo aspettarci?

Hayabusa Canva 27_11_2022 MondoFuoristrada
Quale modello era, lo ricordate? (MondoFuoristrada.it)

Nostalgia a due ruote

Pochi centauri conoscono questa storia probabilmente vera – la stampa britannica la conferma – ma prima degli anni 2000, le case produttrici di motociclette erano impegnate in una folle ma eccitante guerra a chi produceva la moto più veloce legale su strada: allarmati da questa pericolosa escalation, i governi europei misero le mani avanti. Minacciarono di bandire le moto sportive sopra una certa cilindrata dalle strade per prevenire situazioni molto pericolose.

Di fronte a questa prospettiva disastrosa sotto il profilo economico, le principali case produttrici si misero d’accordo tramite un accordo ufficioso noto come Gentlemen Agreement ossia una convenzione che avrebbe impedito a tutti i marchi di produrre moto stradali con una velocità massima superiore ai 300 chilometri orari, regola poi evasa in varie occasioni. Ma non è questo il momento di parlarne…

Due ruote terrificanti

Prima di questo accordo, qual era la moto più potente e veloce in vendita? Secondo molti, nessuna due ruote si è mai avvicinata anche lontanamente alla Suzuki Hayabusa del 1999: questo vero e proprio missile a due ruote il cui nome in giapponese significava “falco pellegrino”, il rapace più veloce del mondo, teneva fede al suo titolo con una potenza di ben 1.348 cc di cilindrata per 197 cavalli di potenza effettiva.

Tutto questo secondo le riviste dell’epoca che testarono la moto prima della riduzione di potenza voluta dal Gentlemen Agreement si traduceva in una velocità massima di ben 312 chilometri orari, cosa che renderebbe la Suzuki Hayabusa originale la motocicletta stradale più veloce che si sia mai vista prodotta in serie. Si, abbiamo detto “originale” perchè la due ruote sta tornando in strada!

Due versioni, due prezzi

Nel corso dell’anno la Suzuki, in procinto di ritirarsi almeno temporaneamente dal Moto GP per concentrarsi sulla transizione ecologica, ha annunciato l’arrivo per il 2023 di una versione speciale della Suzuki Hayabusa chiamata GP Edition, omaggio alla lunga tradizione che la casa giapponese può vantare nel massimo campionato per motociclette da corsa che esista al mondo.

Hayabusa Web Source 27_11_2022 MondoFUoristrada
La livrea della nuova Hayabusa GP (MondoFuoristrada.it)

La nuovissima versione della Hayabusa esibisce una livrea ispirata a quella della Scuderia Ecstar proveniente proprio dalla Moto GP che non sfigura per niente in strada: la linea della moto come si può vedere ha ricevuto qualche piccola modifica estetica che la rende ancora più aggressiva anche se c’è da aspettarsi che la velocità massima rimanga limitata in accordo con il patto tra case.

La motocicletta è in vendita a 23.940 Euro, prezzo piuttosto elevato che supera di gran lunga quello della Hayabusa base: per i collezionisti questa potrebbe essere una soluzione accettabile dato che probabilmente un modello così particolare diventerà molto ricercato dai collezionisti in futuro. Voi proverete a prenderla? E’ consigliata solo per motociclisti molto esperti.