Allarme Tesla, ora il rischio è elevatissimo: tremano gli automobilisti

Altro colpo al cuore di Tesla, la società automobilistica elettrica per eccellenza. L’ultimo allarme lanciato dalla Gran Bretagna è gravissimo.

Tesla è l’esempio dell’industria automobilistica innovativa. Ovvero colei che guarda al futuro ed all’ecosostenibilità, puntando su motori di grande caratura ma totalmente elettrici. Un addio al vecchio combustibile fossile, considerato fin troppo inquinante e nocivo.

tesla espansione problemi
Nuovi problemi per l’espansione di Tesla e delle auto elettriche (Ansa) – Mondofuoristrada.it

Se negli Stati Uniti, dove la Tesla di Elon Musk è di casa, il successo di queste autovetture appare in crescendo, in Europa non si può dire lo stesso. È sempre più usuale vedere delle vetture di questa casa automobilistica in giro, anche in Italia, ma il numero resta ancora piuttosto basso. Il motivo? La difficoltà nel vecchio continente ad accelerare la transizione ecologica.

Ad esempio grandi complicazioni stanno arrivando dalla Gran Bretagna. Dalle parti di Londra e dintorni le Tesla e le altre vetture elettriche stanno affrontando diverse criticità strutturali. Già abbiamo parlato in passato del rischio incendi denunciato da diversi automobilisti e della delicata resistenza del manto stradale a veicoli così pesanti come quelli elettrici.

Elettrico, ancora problemi in UK: la denuncia arriva dai non vedenti

L’ultimo allarme lanciato in Gran Bretagna contro il mercato dell’elettrico arriva da una categoria molto particolare. Ovvero quella dei cittadini non vedenti, i quali hanno notato difficoltà e pericoli per quanto riguarda la presenza delle colonnine di ricarica su strada.

ricarica auto elettriche
Problemi e criticità per le ricariche elettriche in UK (Ansa) – Mondofuoristrada.it

L’associazione NFBUK, acronimo di National Federation of the Blind UK, ha chiesto al Governo britannico di prendere provvedimenti contro la pericolosità della presenza di tali colonnine e dei fili per la ricarica delle Tesla e di altri modelli 100% elettrici. Infatti, secondo alcune testimonianze di utenti non vedenti, il rischio è di incappare in incidenti contro le colonnine o inciampare nei vorticosi fili. Persino i cani addestrati per accompagnare gli ipovedenti non riescono ancora a riconoscere l’ostacolo in questione.

Un bel problema, visto che in UK entro il 2035 la transizione ecologica dei motori dovrà essere completa e definitiva, mentre già cinque anni prima dovranno essere aumentate le ricariche e le prese di corrente nelle aree urbane in maniera sensibile. Il Governo dovrà però valutare ogni difficoltà ed ostacolo alla cittadinanza.

Dopo le denunce sull’alto rischio di combustione e sulla tenuta non eccelsa delle strade inglesi, ora arriva anche il rischio per i non vedenti. Le case automobilistiche elettriche rischiano di veder rallentare nettamente la propria funzionalità.

Impostazioni privacy