Spia motore accesa: come spegnerla senza spendere un euro | Quello che il meccanico non ti dirà mai

Quando accendete l’auto può capitare che la spia motore resti accesa. Rivolgersi ad un meccanico è sicuramente la soluzione migliore e più saggia, ma prima di spendere soldi si può provare con un semplice tentativo di risoluzione del problema.

Se in caso di spia motore accesa vi rivolgete ad un’officina, nel 99% dei casi sarete costretti a mettere mano al portafogli, perché nessun meccanico si metterà a perdere tempo per cercare la vera soluzione del problema. La cosa più facile e spesso più sicura è tagliare la testa al toro e in certi casi vi consiglierà di cambiare la batteria e/o l’alternatore. La spia accesa ipotizza anche un’avaria all’impianto di iniezione, di accensione o del trattamento gas di scarico (specie nella tuo a diesel).

Spia motore (foto Canva)
Spia motore – Mondofuoristrada.it

In molti casi sostituire la batteria non serve, perché la spia motore accesa può semplicemente essere dovuta a dei cavi arrugginiti. In tal caso bastano pochi minuti e il prodotto giusto per risolvere la criticità. A volte il meccanico conosce questa soluzione, ma la evita per un tornaconto personale. A questo punto meglio fare da soli un tentativo prima di recarsi in officina.

Spia motore: una soluzione low cost

Quando sui terminali si accumula l’ossido, ci possono essere delle difficoltà nell’accensione dell’auto, causando di conseguenza l’accensione della spia motore. Come detto in precedenza può avere motivi diversi e non sempre è facile capire al primo colpo il vero motivo, Serve una diagnosi accurata che non tutte le officine meccaniche sono in grado di compiere. Per eliminare l’ipotesi dei cavi ossidati basta procurarsi un po’ di Coca Cola!

Tachimetro auto (foto Pixabay)
Tachimetro auto – Mondofuoristrada.it

Per cominciare la pulizia spegnete la vettura, allentate il dado del morsetto del cavo negativo e di quello positivo. Verificate che non ci siano delle lesioni da cui potrebbe uscire fuori dell’acido. Versate sopra un po’ della celebre bibita, in alternativa un bicchiere di bicarbonato. Con un vecchio spazzolino da denti strofinate il prodotto usato sui cavi ipoteticamente arrugginiti o lasciare che il liquido agisca da solo aspettando qualche minuto. Conclusa questa operazione stringete i terminali e accendete l’auto per verificare se la spia motore è ancora accesa o è scomparsa.

In questo secondo caso avrete risparmiato una bella somma di denaro, ma meglio attrezzarsi per evitare il ripetersi del problema. Il mercato dei prodotti auto mette a disposizione una vasta gamma di detergenti per la pulizia della batteria, sotto forma di spray, che eliminano eventuali tracce di corrosioni. E’ un trattamento che va effettuato molto di rado, non più di una volta al mese o ogni due mesi.