Auto 7 posti, questa lussuosa familiare (Renault) costa nuova poco più di 15mila euro: corsa all’acquisto

Renault colpisce ancora nel segno con questa lussuosa auto familiare a prezzo convenientissimo: tutte le caratteristiche del modello che va a ruba.

La casa francese è nota per la ricerca di design futuristici in grado di sovvertire le regole e spiccare nel mare di un mercato ampio ma tendente a seguire determinate tendenze. Pur non snobbando modelli più performanti e finemente accessoriati, Renault ha un occhio di riguardo anche per il mercato familiare ed è proprio nel settore delle citycar e delle utilitarie che ha conquistato i maggiori successi commerciali. Ciò che ha sempre contraddistinto le auto di questa storica casa sono i motori performanti e resistenti anche nelle cilidrate ridotte, un giusto compromesso per chi cerca affidabilità e un minimo di sprint in più, pur non potendosi permettere delle sportive o delle tedesche.

Dacia Jogger
Dacia Jogger – Mondomotori.it

Da qualche anno a questa parte, inoltre, la politica di acquisizione di Renault, ha portato la casa francese a mettere le mani su un brand di fascia bassa, la Dacia. La casa automobilistica rumena ha beneficiato dell’acquisizione da parte di Renault per visibilità, commercializazione e diffusione dei propri modelli. Negli ultimi anni la proposta della Dacia ha avuto successo anche dalle nostre parti e questo perché propone modelli come Suv e Crossover ad un costo decisamente più basso della concorrenza. Modelli come la Duster e la Sandero hanno ottenuto un ottimo riscontro di pubblico proprio grazie al loro prezzo contenuto.

Dacia Jogger, l’evoluzione della Lodgy conquista il mercato grazie al prezzo stracciato: costa solo 15mila euro

Negli anni passati la Dacia aveva avuto un’ottima intuizione: trasforamre un veicolo commerciale in una monovolume spaziosa e funzionale, la Lodgy. La cura minima riservata al passaggio estetico da furgoncino a monovolume, però, ha limitato le vendite di un mezzo familiare a basso costo e molto versatile. Per questo la casa automobilistica ha pensato ad un restyle totale del modello. Con Jogger si abbandona la forma squadrata del furgoncino e si adotta un’estetica più simile a quella di un suv compatto. La base di partenza è quella della Sandero, ma le dimensioni di questa nuova vettura sono decisamente più generose: lunghezza di 455 centimetri e passo a quota 290.

Dacia Jogger
Dacia Jogger – Mondomotori.it

Il restyle del veicolo commerciale è stato fatto così bene da annullare qualsiasi sensazione di familiarità con un furgoncino, cosa che invece non riescono a fare modelli come la Renault Kangoo o la Wolkswagen Caddy. Il bel lavoro estetico fatto dai progettisti, non ha cambiato le principali peculiarità del mezzo: la Jogger è spaziosissima e permette la seduta comoda di ben 7 persone. Ai sedili davanti e al divanetto posteriore, infatti, si aggiungono due sedili estraibili singolarmente che consentono ad altre due persone di sedersi.

I due posti aggiuntivi sono sufficientemente comodi, ma forse è meglio evitarli a chi è leggermente più alto. Il bagagliaio in versione normale arriva sino a 684 litri, mentre se si montano anche i due sedili aggiuntivi arriva ad un massimo di 160 litri. L’auto è pensata per la comodità dei suoi passeggeri ed infatti possiede anche dei tavolinetti richiudibili per chi si trova nel divanetto di dietro. Al centro della plancia c’è un monitor da 8 pollici compreso di navigatore e compatibilità con i dispositivi Android e Apple.

Le prestazioni del nuovo furgoncino familiare della Renault

Abbiamo finora parlato dei pregi e delle caratteristiche principali di questa Jogger, ma come si comporta su strada? Per quanto riguarda il motore, viene montato il tre cilindri della sorellina Sandero che offre un buono spunto in accellerazione ma prestazioni meno eccelse in ripresa. Il cambio ha movimento profondo e preciso, regala buone sensazioni durante la guida su strada, ma qualche perplessità quando si vuole adottare uno stile di guida più veloce.

Dacia Jogger
Dacia Jogger – Mondomotori.it

Lo stesso dicasi per lo sterzo che è abbastanza corto e obbliga a molteplici movimenti delle braccia per le curve più strette. Le sospensioni non attutiscono bene i colpi più forti, ma i sobbalzi con ostacoli minori come dossi e scaffe sono comunque attuttiti dalle ruote più grandi di una normale auto. Buone invece le prestazioni del serbatoio che in media consente agli automobilisti di percorrere 16 chilometri con un litro. Come avrete capito si tratta di un mezzo adatto ad una famiglia numerosa e ad una guida tranquilla che fa dello spazio e dell’utilità le sue carte vincenti.