Truffa sulle auto usate, ci sono cascati tutti: l’unico modo per salvarsi dalla “bufala”

Il mercato delle auto usate è un segmento sempre florido e in crescita, soprattutto ora che le vetture elettriche hanno ancora prezzi poco popolari e le vetture a diesel presto saranno fuori produzione. In attesa di scenari più chiari non resta che affidarsi ad un’auto usata in caso di necessità, ma occhio alla truffa.

Solitamente si va alla ricerca di un veicolo usato sui vari siti online ben organizzati, si guardano le foto, occhi puntati specialmente sul prezzo, la carrozzeria, gli interni, l’anno di immatricolazione, il tipo di alimentazione e i chilometri percorsi. In media una vettura è prodotta per arrivare a 350.000 km e può durare un ventennio.

La prima domanda che ci poniamo è se sia meglio acquistare da un privato o da un concessionario. Nel primo caso il costo è sicuramente più basso, ma bisogna ricordare che non si ha alcuna garanzia. Viceversa, comprando presso un rivenditore ufficiale si ha la garanzia di almeno un anno. Ma un dato va assolutamente controllato prima di firmare il passaggio di proprietà.

Chilometri auto (foto Canva)
Chilometri auto – Mondofuoristrada.it

I chilometri reali di un’auto

Da tempo l’attenzione primaria va sul controllo dei km reali compiuti da un veicolo nel corso della sua vita, un dato che alcune volte viene taroccato al ribasso, così da poter richiedere una cifra maggiore al potenziale acquirente. In che modo si possono evitare delle fregature e controllare quanti km ha effettivamente compiuto l’auto usata che ci accingiamo ad acquistare? La verifica dello storico revisione auto è il primo passo da compiere.

Basta collegarsi a Il Portale dell’Automobilista, gestito dal Ministero dei Trasporti, e verificare quanto chilometri aveva un veicolo all’atto dell’ultima revisione, così da farsi una prima idea. Ma solo dopo essersi iscritti al sito, inserendo tutti i dati personali, compreso il numero della patente.

Contachilometri auto (foto Pixabay)
Contachilometri auto – Mondofuoristrada.it

Lo storico dei km

Si consiglia di controllare lo storico dei km, dei tagliandi e di eventuali incidenti attraverso un servizio online, disponibile su Carvertical.com, in cui si deve inserire il numero di telaio o la targa dell’auto, per sapere tutto sul veicolo che stai progettando di acquistare. Dallo storico dei km ad eventuali seri incidenti, fino ad un eventuale utilizzo come auto a noleggio. Ma fate attenzione anche al quadro strumenti, che può essere cambiato con un altro o con uno nuovo.

Se i km dell’auto nelle ultime revisioni non sono cresciute abbastanza proporzionalmente al tempo tra un tagliando e l’altro si possono chiedere chiarimenti al proprietario oppure affidarsi a tecnici esperti. Inoltre prima di comprare un’auto usata scaricate l’elenco dei controlli da eseguire, così da farvi una più chiara idea sui costi di manutenzione nececessari nel brave termine.