Cambio manuale, dal 2023 non ci sarà più su queste auto | La decisione del colosso tedesco segna la fine di un’era

Un grande cambiamento in vista del futuro. E’ quanto trapelato da una notizia che agli appassionati di auto non piacerà affatto.

Automobilismo. Un termine oggi ampio e in passato nato dall’unione delle parole autòs e mobìlis; insieme compongono il significato di veicolo in grado di muoversi autonomamente. Non è proprio così a pensarci bene, considerando che prima di permettere all’auto di andare da sola dovrà passarne ancora un po’ di tempo. Ed è proprio questo il succo dell’intero settore dell’automotive: innovazione. Ogni anno possiamo notare molte novità diverse fra loro.

Non vedremo più questo particolare componente: noto marchio gela gli appassionati 18 novembre 2022 mondofuoristrada.it
Non vedremo più questo particolare componente: noto marchio gela gli appassionati mondofuoristrada.it

Che magari non accontentano tutti, ma che sicuramente sanno bene come regalare novità al mercato delle quattro ruote. E a proposito di ciò, una grande azienda ha deciso di imporre un cambiamento che per certi versi potremmo definire epocale senza paura di offendere nessuno. Parliamo del cambio manuale, a cui tanto tengono gli appassionati di auto. Beh, questo componente non di certo all’avanguarda rischia di sparire. E, fra i tanti brand, anche Volkswagen si sta muovendo in questa direzione.

Cambio manuale o automatico: le differenze

E’ sempre difficile rispondere a quesiti del genere. Del resto, cambio automatico e trasmissione manuale sono agli antipodi per concezione tecnica e di utilizzo. L’evoluzione motoristica però ci impone di riflettere a riguardo. Per quanto riguarda quello automatico, i vantaggi si attestano principalmente in un maggiore comfort di guida, soprattutto se viaggiamo in luoghi abitati. Tra gli svantaggi c’è il prezzo d’acquisto a dir poco elevato rispetto al classico cambio manuale. Ma anche riparazioni e manutenzione non scherzano.

Per quanto permane la trasmissione più usata in assoluto, quella che necessita di supporto umano, ha vari aspetti positivi. Intanto è facile da utilizzare; non incide poi sul prezzo d’acquisto dell’auto, non richiede una costante manutenzione e comunque rende l’auto molto divertente da guidare. Senza dimenticare che regala una sensazione di controllo completo del mezzo al conducente.

I consumi però sono maggiori, e per guidare in città non è affatto l’ideale. In sintesi, il manuale va bene se ci tieni a risparmiare su acquisto o noleggio di un’auto. E, soprattutto, per guidare fuori città. L’esatto contrario quello automatico. Se la preferenza di guida riguarda il muoversi nei centri urbani, è proprio al nuovo componente che ci si deve affidare.

Cambio automatico: Volkswagen ha deciso cosa fare

L’abbandono della tanto amata trasmissione manuale. Un vero incubo per gli appassionati di auto. Che però va sempre più di moda fra i brand automobilistici internazionali, a partire da Mercedes e BMW, per arrivare adesso anche alla Volskwagen. Quest’ultimo ha deciso di interrompere la produzione di cambi manuali per i suoi veicoli a partire da marzo 2023. Non impauritevi troppo però, perché sembra riguardare la Cina. A quanto pare, il tutto è scritto in una lettera inviata ai dipendenti di SAIC Volkswagen a Shanghai.

Volkswagen: il cambiamento in Cina è semplicemente epocale 18 novembre 2022 mondofuoristrada.it
Volkswagen: il cambiamento in Cina è semplicemente epocale mondofuoristrada.it

Non una enorme differenza rispetto a quanto fatto finora, dato che il cambio manuale nello stabilimento in questione è presente solo sui modelli Polo, Lavida e Santana. La decisione – ancora da confermare – pare essere stata presa a causa del cambio di rotta intrapreso da tutto il mercato delle quattro ruote in Cina, dove le auto ibride plug-in e le elettriche utilizzano quasi esclusivamente il cambio automatico.

Per il momento, quindi, gli appassionati possono dormire serenamente. Anche se questo cambiamento pare essere sempre più effettivo in ogni angolo del globo. Vedremo se anche Europa e USA, presto, abbandoneranno tale componente in pressoché ogni veicolo da qui al futuro prossimo.